Terza Conferenza della Comunità Italiana di Fisica Solare ed Eliosferica

La comunità Solare ed Eliosferica italiana organizza periodicamente dei convegni nazionali: più recentemente gli ultimi due convegni della serie si sono svolti a Catania nel settembre del 2013 e a Roma nel maggio del 2016, presso la sede dell'ASI. Il prossimo meeting si terrà a Torino, dal 28 al 31 ottobre 2018.

Lo scopo del prossimo convegno della serie è quello di fornire un forum a livello nazionale per la discussione delle principali tematiche nell'ambito della fisica solare, eliosferica, e della meteorologia spaziale. Il convegno permetterà di rafforzare le collaborazioni già esistenti e di stabilirne di nuove, nell'ambito di progetti in cui la comunità è coinvolta (come il telescopio Europeo EST, le missioni spaziali Solar Orbiter, Bepi Colombo, Proba-3, CSES-Limadou, ecc.), e al di fuori di questi progetti.

Il comitato organizzativo supporterà inoltre la partecipazione di studenti di dottorato e giovani ricercatori per favorirne l'ingresso all'interno della comunità italiana. Il convegno avrà la durata totale di 2 giornate e mezza, nel corso delle quali si terranno 10 interventi orali su invito e 30 interventi di contributo; saranno inoltre presentati nel corso delle pause caffè circa 30 poster.

L'evento è organizzato localmente dall'INAF – Osservatorio Astrofisico di Torino, dal Dipartimento di Fisica dell'Università degli Studi di Torino e dal Consorzio Interuniversitario per la Fisica Spaziale (CIFS).

PARTECIPANTI

PROGRAMMA

Vai al programma dei poster.

28 OTTOBRE

Apericena di benvenuto

29 OTTOBRE

Saluti iniziali

Pausa caffè e visione dei poster

Pausa pranzo

Pausa caffè e visione dei poster

30 OTTOBRE

Pausa caffè e visione dei poster

Pausa pranzo

Pausa caffè e visione dei poster

Cena sociale

Consegna dei Premi “E. Landi” e “A. Egidi”

31 OTTOBRE

Pausa caffè e visione dei poster

Saluti di chiusura

PROGRAMMA DEI POSTER

1. Limb brightening observed with the UltraViolet Coronagraph SpectrometerA. Cora, D. Marocchi, S. Giordano, L. Zangrilli

2. Thermal evolution and dynamics of supra-arcade downflowsJ. Xue

3. First determination of 2D speed distribution within the bodies of Coronal Mass EjectionsB. Ying, A. Bemporad, S. Giordano, P. Pagano, L. Feng

4. Feasibility study of a dedicated filter based polarimeter system for large telescopes: comparing two different camerasE. Capozzi, S. Kumar Dhara, D. Gisler, M. Bianda, R. Ramelli

5. On the connection between solar activity cycles and grand minima occurrenceF. Lepreti, A. Vecchio, M. Laurenza, T. Alberti, V. Carbone

6. Continuum emission enhancements and penumbral changes observed during flares by IRIS, ROSA, and HinodeF. Zuccarello, V. Capparelli, M. Mathioudakis, P. Keys, L. Fletcher, S. Criscuoli, M. Falco, S. L. Guglielmino, M. Murabito

7. The Critical Science Plan for the DKISTG. Cauzzi, M. Rast, V. Martinez Pillet

8. On the dynamics of solar polar plumes as observed by SoHO/UVCSL. Zangrilli, L. Abbo

9. Solar flare forecasting using photospheric active region propertiesM. Falco, P. Romano

10. The Heliospheric Space Weather Center: a novel Space Weather ServiceM. Casti, R. Susino, A. F. Mulone, D. Telloni, G. Chiesura, E. Antonucci, R. Messineo, A. Bemporad, F. Solitro, S. Fineschi, M. Messerotti, G. Nicolini, E. Magli, T. Bjorklund, A. Volpicelli, M. Martino

11. Determination of the physical properties of an erupting prominence from SOHO/LASCO and UVCS observationsR. Susino, A. Bemporad, P. Heinzel, S. Jejčič, U. Anzer

12. High-resolution observations of the umbral filament in AR NOAA 12529S. L. Guglielmino, P. Romano, B. Ruiz Cobo, F. Zuccarello, M. Murabito

13. Metrology on-board PROBA-3: the Shadow Position Sensors (SPS) subsystem – Design and performanceV. Noce, M. Focardi, F. Landini, C. Baccani, M. Romoli, M. Pancrazzi, S. Fineschi, D. Loreggia, A. Bemporad, M. Casti, S. Buckley, F. Denis, C. Thizy

14. In Situ Generation of Transverse Magnetohydrodynamic Waves from Colliding Flows in the Solar CoronaP. Pagano, P. Antolin, H.-J. Van Damme, I. De Moortel, V. Nakariakov

15. Assessment of the particle radiation environment at L1 point and near-Earth spaceM. Laurenza, T. Alberti, M. F. Marcucci, G. Consolini, C. Jacquey, S. Molendi, C. Macculi, S. Lotti

16. Echo occurrence in the polar ionosphere as measured by Dome C East radar in 2013 and 2016 yearsM. F. Marcucci, I. Coco, S. Massetti, S. Longo, D. Biondi, E. Simeoli, A. Marchaudon, G. Consolini, M. Laurenza

17. Recent insights on the penumbra formation processM. Murabito, S. L. Guglielmino, P. Romano, F. Zuccarello

18. Introducing SWERTO: a Regional Space Weather ServiceF. Berrilli, M. Casolino, A. Cristaldi, D. Del Moro, R. Forte, L. Giovannelli, M. Martucci, M. Mergé, G. Napoletano, L. Narici, E. Pietropalo, G. Pucacco, A. Rizzo, S. Scardigli, R. Sparvoli

19. The Ionosphere Prediction Service ProjectF. Rodriguez, L. R. Ronchini, S. Di Rollo, G. De Franceschi, C. Cesaroni, Spogli, V. Romano, M. Aquino, S. V. Veettil, F. Berrilli, D. Del Moro, M. Hutchinson, O. Kalden, A. Aragon-Angel, E. Guyader

20. H2020 SOLARNET Integrating High Resolution Solar PhysicsI. Ermolli, F. Berrilli, F. Zuccarello and the Italian EST-SOLARNET team

PREMI

Per ricordare l’opera scientifica del Prof. Egidio Landi Degl’Innocenti e del Prof. Alberto Egidi, il comitato organizzativo scientifico della conferenza SoHe3 ha deciso di istituire due premi ad essi intitolati. In particolare:

  • il Premio “E. Landi” è stato istituito e finanziato dall’INAF – Osservatorio Astrofisico di Torino; l’iniziativa è volta a premiare la migliore tesi di Laurea Magistrale con argomento Fisica Solare pubblicata nell’ultimo triennio (dal 1° luglio 2015 in poi);
  • il Premio “A. Egidi” è stato istituito dal Consorzio Interuniversitario di Fisica dello Spazio (CIFS), in collaborazione col Dipartimento di Fisica dell'Università di Roma “Tor Vergata”; l’iniziativa è volta a premiare la migliore tesi di Dottorato di Ricerca con argomento Fisica del Mezzo interplanetario, Eliofisica, o Space Weather, pubblicata nell’ultimo triennio (Cicli di Dottorato XXVIII, XXIX, XXX).

Ai vincitori del Premio “E. Landi” e del Premio “A. Egidi” sarà fornito il rimborso delle spese di viaggio e della quota di iscrizione alla conferenza; inoltre i vincitori dei due premi saranno invitati a tenere una presentazione orale sul lavoro premiato e a pubblicare un articolo sugli atti del congresso (sulla rivista “Nuovo Cimento”).

Inoltre, per ricordare l’opera scientifica del Prof. Lucio Paternò, lo stesso comitato organizzativo ha deciso di istituire il Premio “L. Paternò”, finanziato dall’INAF – Osservatorio Astrofisico di Catania, che è volto a premiare la migliore presentazione orale tenuta da un giovane studente o postdoc durante la conferenza SoHe3; il premio sarà consegnato nel corso del congresso.

REGISTRAZIONE

Completa il form per registrarti. 1

Dal 16 settembre è possibile registrarsi solo pagando l'intera quota di registrazione.
Qui troverai informazioni sull'importo e sui metodi di pagamento.

PRESENTA UN CONTRIBUTO

Non è più possibile sottomettere gli abstract (il termine per l'invio è scaduto il 16 settembre).

LA SEDE

La conferenza SoHe3 si svolgerà presso la nuova Aula Magna dell'Università degli Studi di Torino, sita nell'antico complesso della Cavallerizza Reale – struttura originariamente votata alla cura dei cavalli delle regie scuderie.

COME ARRIVARE

In aereo

L'Aeroporto Internazionale di Torino è collegato al centro città dal servizio navetta SADEM. Le navette partono ogni 15 minuti di fronte all'ingresso del terminal Arrivi e fermano ad entrambe le stazioni principali di Torino: Porta Nuova e Porta Susa. Il biglietto può essere acquistato presso il chiosco all'interno dell'aerostazione.

In treno

Dalle stazioni di Porta Nuova e Porta Susa si può comodamente raggiungere la sede della conferenza (o spostarsi per la città) con i mezzi pubblici. Visita il sito dell'azienda locale dei trasporti GTT per informazioni su linee, orari e costi. È possibile anche utilizzare Google Maps per pianificare gli spostamenti con i mezzi pubblici.

In auto

È possibile raggiungere Torino percorrendo le autostrade A4 da Milano e Venezia, A5, A6 da Genova, A21 e A32 dalla Francia. Il centro città, anche attorno alla sede della conferenza, è chiuso alla circolazione con mezzi privati. Visita la pagina dedicata del Comune di Torino per informazioni su come accedere alla Zona Traffico Limitato.